Domenica 23 aprile ho assistito con grande piacere  al teatro Maggiore di Verbania, al concerto con cui la Banda musicale giovanile del Piemonte ha inaugurato la sua nuova stagione. Diretta dal maestro titolare, il biellese Riccardo Armari, e dal maestro ospite, il valenciano Rafael Garrigòs Garcia, la banda ha eseguito brani di Ernesto Abbate, Amilcare Ponchielli, Alberto Pizzini,  Bizet e Oscar Navarro.

Nata nel 2010 grazie a un progetto sostenuto dalla Fondazione Crt e nel 2011 “adottata” dal Consiglio regionale del Piemonte, la formazione è composta da 100 giovani mucisti d’età compresa tra i 13 e i 27 anni provenienti dalle bande di tutto il Piemonte.

Tre anni fa la Banda ha assunto il ruolo di “ambasciatore” del manifesto contro lo sfruttamento del lavoro minorile, lanciato da Claudio Abbado insieme ad altri autorevoli personaggi della musica e dello spettacolo e che è promosso e sostenuto dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro dell’Onu.