Una delegazione di lavoratori della Borgolon, azienda di Varallo Pombia (No) che ha annunciato l’avvio di una procedura di licenziamento collettivo per 42 dipendenti, è stata ricevuta oggi a Palazzo Lascaris, durante la pausa dei lavori del consiglio. Nel corso dell’incontro, a cui hanno partecipato l’assessore alle Politiche Sociali Augusto Ferrari e un rappresentante dell’assessorato regionale al Lavoro, i sindacati hanno espresso la loro contrarietà all’ipotesi di chiusura del sito, non giustificata, a loro avviso, dall’andamento complessivo dell’azienda. I rappresentati dei lavoratori hanno inoltre spiegato di aver chiesto la convocazione di un incontro presso la Prefettura di Novara, a cui la Regione Piemonte parteciperà. “Insieme ad azienda e sindacati – spiega l’assessora al Lavoro Gianna Pentenero – valuteremo la convocazione di un tavolo regionale, magari coinvolgendo anche le Attività Produttive, per cercare di capire se ci sono strumenti che la Regione può mettere in campo per consentire all’azienda di rimanere sul nostro territorio, tutelando così la produzione e i posti di lavoro”.