Seleziona una pagina

Il bilancio di Torino per il 2021 e gli anni seguenti vedrà inevitabilmente una riduzione delle entrate a fronte di una spesa in crescita per affrontare le situazioni di difficoltà delle famiglie e del mondo economico che si sono inasprite, anche a seguito della pandemia. Solo in parte questo squilibrio sarà colmato dai trasferimenti e finanziamenti dello stato. Il primo degli obiettivi del prossimo quinquennio sarà, quindi, il reperimento delle risorse, utilizzando al massimo le possibilità di finanziamento della Città metropolitana, della Regione, dello Stato e dell’Unione Europea, ma occorrerà anche creare sinergie con il mondo privato.

Proposte
– Obiettivo prioritario sarà il recupero capillare dell’evasione fiscale
– pagare tutti per pagare tutti meno è lo slogan che ci deve guidare, deve essere finalizzato al mantenimento, miglioramento dei servizi e alla riduzione delle tariffe e della tassazione.
– Per quanto riguarda la spesa, la razionalizzazione dei costi e l’eliminazione degli sprechi dovrà esser la base per una diversa gestione e distribuzione della spesa, considerando uno investimento la riorganizzazione della macchina .
– Il Comune di Torino è fra le più grandi imprese della città e come tale deve essere gestito perché è strategico per il futuro della nostra comunità e per il suo sviluppo.
– Creazione di un bilancio di genere per valutare l’impatto delle scelte dell’amministrazione in un’ottica di genere, oltre che valutare i diritti e l’accesso ai servizi e alle risorse.