Si è svolto il 19 marzo presso l’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte un incontro tra i vertici delle società Comdata, Koiné e i rappresentanti sindacali, a seguito dell’acquisizione da parte di Comdata della commessa Giordano Vini, che occupa complessivamente circa 80 persone tra le sedi di Torino e della Valle Talloira. Comdata ha ribadito la propria disponibilità ad assorbire il personale in capo a Koiné, a condizione che l’attività venga svolta nel centro operativo della società di Ivrea. Di fronte alle difficoltà logistiche che il trasferimento comporterebbe, in particolare per i lavoratori impiegati nella sede cuneese, la Regione Piemonte ha chiesto a Koinè di aprire un tavolo con le organizzazioni sindacali per valutare tutte le possibili soluzioni, compreso il ricorso agli ammortizzatori sociali, volte ad attenuare il disagio per i lavoratori che non accettassero il trasferimento a Ivrea. Al tempo stesso, a Comdata la Regione ha chiesto di applicare la clausola sociale a quei lavoratori che, invece, volessero trasferirsi a Ivrea.

“Mi auguro – ha dichiarato l’assessora al Lavoro Gianna Pentenero – che si riesca a giungere a un accordo che risulti sostenibile per i lavoratori. Una nuova riunione del tavolo regionale è già stata fissata per il 27 marzo prossimo”.