La Regione Piemonte, in collaborazione con Anpal Servizi e Agenzia Piemonte Lavoro, sta svolgendo i primi incontri per realizzare le attività di ricollocazione previste per i 67 lavoratori piemontesi di Superdì e Iperdì, in cassa integrazione straordinaria dopo l’accordo sottoscritto il 5 novembre scorso al ministero del Lavoro.

Lo ha spiegato l’assessora regionale al Lavoro Gianna Pentenero, rispondendo a un question time in consiglio regionale.

Il 16 novembre – ha aggiunto Pentenero – la Regione ha sottoscritto a sua volta un accordo con il gruppo GCA, proprietario dei siti piemontesi di Novi Ligure, Gozzano e Cameri, per attivare un intervento di politiche attive per il lavoro che comprende azioni di informazione, orientamento, eventuali attività formative volte a favorire l’inserimento lavorativi dei dipendenti in cassa integrazione. Queste attività, che si svolgono su base volontaria, non inficiano naturalmente le eventuali assunzioni dirette che potrebbero interessare i lavoratori nell’ambito delle cessioni che il gruppo GCA, secondo quanto riferito dalla società stessa, sta trattando con operatori della grande distribuzione. Naturalmente continueremo a seguire con grande attenzione la vicenda, mettendo in atto tutte le iniziative per favorire la ricollocazione dei lavoratori”.