Abbiamo incredibilmente bisogno  di un sistema fiscale più equo, in cui la ricchezza sia meglio distribuita, le famiglie, non i milionari, paghino meno tasse e dove le persone in difficoltà siano aiutate e sostenute.

Per questo penso sia necessario raddoppiare le risorse per il reddito d’inclusione, prima misura universale di lotta alla povertà in Italia ad oggi ancora troppo limitata, contrastare l’evasione fiscale e rendere più semplice il modo in cui si pagano le tasse, per “pagare tutti, pagare meno”.
Dobbiamo estendere gli 80 euro a partite Iva e lavoratori autonomi, per restituire dignità a chi lavora in proprio.
In un Paese sempre più vecchio bisogna sostenere le famiglie, con un assegno mensile che accompagni i figli nei primi anni di vita e consenta di offrire loro servizi e opportunità educative.