Roma, 12 gennaio 2018

Quello di oggi al Ministero dello Sviluppo Economico è un segnale importante di apertura alla discussione, per ridare un futuro al sito di Riva di Chieri, alle persone che vi lavorano e alle loro famiglie. Si tratta di un passo avanti nella trattativa, ottenuto grazie all’intervento diretto del Ministro e alle sollecitazioni fatte dalla Regione. E’ infatti positivo che Embraco si sia dimostrata almeno disponibile a valutare le proposte che il Ministro ha prospettato: la prima volta al mantenimento dell’attività produttiva nel sito di Riva di Chieri, la seconda volta a individuare un soggetto interessato a rilevare l’area, con un progetto di re-industrializzazione e il ricorso alla cassa integrazione per crisi. Auspico che il percorso tracciato oggi, che avrà un prossimo incontro già fissato l’8 febbraio prossimo, possa portare a un intervento per la salvaguardia produttiva e occupazione del sito di Riva.